Lega Pallavolo Serie A, Via Giuseppe Rivani, 6 - 40138 Bologna - Tel +39 051 4195660 - Fax +39 051 4195619 - Partita Iva 03747920373 - email: info@legavolley.it
 
 
 
Stampa
Statuto Lega Pallavolo Serie A
 

Consorzio Lega Pallavolo serie A - Statuto (08/04/2004) e modifiche 29 luglio 2004

 

ART. 1 COSTITUZIONE
E' costituito un Consorzio con attività esterna fra le società sportive partecipanti ai campionati di Serie A1 e A2 maschile di Pallavolo denominato "Lega Pallavolo Serie A".

ART. 2 SEDE
Il Consorzio ha sede in Bologna negli uffici designati dall'Assemblea su proposta del Consiglio di Amministrazione, per lo svolgimento della sua attività esterna. Ogni modifica successiva della sede non costituirà modifica del presente Statuto.

ART. 3 DURATA
La durata del Consorzio è fissata fino al 31.07.2020 salvo proroga o anticipato scioglimento che dovranno essere approvati dai tre quarti dei consorziati aventi diritto al voto.

ART. 4 SCOPO
Il Consorzio che non ha fini di lucro ha per scopo:
la cura degli interessi comuni agli associati con particolare riferimento alle attività tutte previste dello Statuto della Federazione Italiana Pallavolo;
la promozione e la realizzazione di tutto quanto necessario al consolidamento dell'immagine della Pallavolo maschile di vertice in Italia nei rapporti con gli organi di informazione, con l'industria e con le componenti qualificate dell'intero movimento pallavolistico nazionale ed internazionale;
la stipula di accordi economici, nell'interesse ed in favore delle associate o di alcune di esse;
la realizzazione e la gestione di accordi e servizi nell’interesse delle società associate ed in particolare quelli relativi all'organizzazione comune dell’attività sportiva istituzionale delle associate;
la gestione dei fatti tecnici ed organizzativi di interesse comune e la fornitura dei relativi servizi;
l'organizzazione di eventi pallavolistici di vertice con la partecipazione delle proprie associate;
la rappresentanza degli associati nella negoziazione e gestione dei diritti collettivi di immagine a carattere sia radiotelevisivo che promopubblicitario, nella tutela dei marchi collettivi ed in generale nella tutela di ogni altro interesse collettivo o comune di natura patrimoniale;
quant’altro affidato al Consorzio sia dall'Assemblea che da gruppi di consorziati associati che ne abbiano fatta richiesta.

ART. 5 CONDIZIONI DI AMMISSIONE
Possono far parte del Consorzio soltanto le società che abbiano diritto alla partecipazione ai campionati di Serie A Maschile di Pallavolo.
Le società  neo-ammesse in Serie A devono presentare domanda di ammissione al Consorzio nei termini annualmente stabiliti dall'Assemblea. Il loro ingresso non costituisce modifica del presente contratto.
La domanda deve chiaramente contenere l'accettazione integrale del contratto consortile ed in particolare l'accettazione esplicita della clausola compromissoria di cui all’art. 33.
L'esame delle domande è di competenza del Consiglio di Amministrazione, che delibera motivatamente in merito, con decisione definitiva ed insindacabi1e.

ART. 6 RECESSO
Il recesso è automatico al termine dell'anno sportivo, per le società che siano retrocesse in serie B o che, comunque, non si iscrivano ai campionati di serie A o perdano per qualsivoglia motivo il diritto a partecipare ai campionati di serie A.
E' ammesso il recesso volontario esclusivamente per giusta causa. La dichiarazione di recesso deve essere comunicata a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento al Consiglio di Amministrazione e diviene efficace trenta giorni dopo la ricezione.

ART. 7 ESCLUSIONE
L'esclusione può essere deliberata nei confronti del consorziato che abbia perduto il requisito previsto per l'ammissione o che si sia reso inadempiente alle obbligazioni derivanti dal presente contratto o a quelle assunte per suo conto dal Consorzio. L'esclusione è deliberata dall'Assemblea con la maggioranza dei due terzi degli aventi diritto al voto. Contro la delibera dell'Assemblea può essere richiesta la decisione del Collegio Arbitrale costituito a norma dell’art. 33.

ART. 8 QUOTE DI PARTECIPAZIONE
Ciascuna società consorziata deve sottoscrivere almeno una quota di partecipazione.
Le quote di partecipazione conferite al fondo consortile dalle consorziate recedute o escluse non sono rimborsabili, ma vanno ad accrescere il fondo di riserva.
Oltre al contributo iniziale, ciascun consorziato deve contribuire alle spese del Consorzio mediante un contributo annuale determinato dall'assemblea, la quale potrà deliberare contributi straordinari in misura uguale per tutti ove il fondo consortile divenga insufficiente per la realizzazione degli scopi del contratto.

ART. 9 AUTONOMIA DELLE SOCIETA CONSORZIATE
Le società consorziate conservano la loro piena autonomia e ciascuna assume a proprio diretto carico l'intero rischio delle perdite e dei ricavi derivanti dall'esercizio degli scopi sociali di ciascuna.
Fermo il disposto dell'art. 2605 c.c. è pertanto esclusa ogni ingerenza del Consorzio nelle attività svolte in proprio dalle società consorziate.
La forma di costituzione e la natura giuridica dei sodalizi sono irrilevanti nei riguardi del Consorzio purché compatibili con le leggi dello Stato e con le norme emanate in materia dalla FIPAV e dal CONI ed a condizione che il contenuto degli statuti dei sodalizi non sia in contrasto con il presente contratto.
Le modificazioni della natura giuridica e della struttura dei sodalizi aderenti e della composizione degli organi sociali dovranno essere comunicate per iscritto alla segreteria della Lega entro gg. 10 dalla data della modificazione allegando la documentazione attestante le modifiche intervenute.
Tale documentazione ha effetto nei confronti del Consorzio solo in presenza di una dichiarazione sottoscritta dal Legale Rappresentate che certifichi, sotto la sua personale responsabilità, la conformità della documentazione trasmessa agli originali tenuti agli atti del sodalizio.
Il Consorzio ha diritto, in ogni momento, a semplice richiesta, di prendere visione e di estrarre copia degli atti relativi alla struttura dei sodalizi, alla composizione degli organi sociali e dei bilanci di esercizio corredati dalle relazioni degli amministratori e dei sindaci.
Le società consorziate assumono inoltre l’intero rischio delle perdite ed il vantaggio dei ricavi per gli affari conclusi, le gestioni effettuate ed i servizi forniti nel loro interesse a cura del Consorzio.

ART. 10 ORGANI DEL CONSORZIO
Sono organi del Consorzio:
l'Assemblea degli associati;
il Presidente; il Consiglio di Amministrazione, cui è affidata la gestione del Consorzio;
il Collegio dei Revisori

ART. 11 ASSEMBLEA DEGLI ASSOCIATI
L'Assemblea è costituita da tutti i consorziati in regola con gli adempimenti previsti dal presente Statuto. Ciascun consorziato ha diritto ad un voto. Nel caso in cui le società aventi diritto a partecipare al campionato di A2 siano in numero diverso di quelle ammesse al campionato di A1, a ciascuna società verrà attribuito, mediante un coefficiente correttivo un diritto di voto che consenta di rendere uguale il totale dei voti esprimibili dalle società di A1 e quello delle società di A2.
Hanno diritto di partecipare ad ogni Assemblea il Presidente e i componenti del Consiglio di Amministrazione e, senza diritto di voto, i componenti del Collegio dei Revisori dei Conti. E'facoltà del Presidente invitare all'Assemblea altre persone ritenute utili allo svolgimento della stessa.
Compete all'Assemblea deliberare sugli oggetti tassativamente attribuiti alla sua competenza dalla legge o dal contratto stesso, nonché sugli argomenti iscritti all'ordine del giorno, anche su preventiva richiesta di una sola società consorziata per materie non riservate alla competenza di altri organi consortili.

ART. 12 CONVOCAZIONI ASSEMBLEARI
L'Assemblea è ordinaria e straordinaria.
L'Assemblea ordinaria si riunisce due volte l'anno. L'una, entro il mese di luglio, per l'esame ed approvazione della relazione programmatica e del bilancio preventivo dell'esercizio sociale successivo. L'altra, entro il mese di novembre immediatamente successivo, per l'esame ed approvazione della relazione del Consiglio di Amministrazione, del bilancio consuntivo dell'esercizio precedente e della relazione dei Revisori dei Conti.
L'Assemblea ordinaria, oltre ad approvare i bilanci preventivo e consuntivo e le relazioni che le accompagnano:

·                  nomina il Giudice di Lega;

·                  elegge il Presidente della Lega, i componenti del Consiglio di Amministrazione e del Collegio dei Revisori dei Conti;

·                  discute e delibera sulle attività del Consorzio in relazione agli interessi comuni dei sodalizi aderenti.

L'Assemblea è validamente costituita con la presenza di almeno la metà più uno dei sodalizi aventi diritto al voto.
L'Assemblea straordinaria è convocata ogni qualvolta sia ritenuto opportuno dal Consiglio dì Amministrazione.
L'Assemblea straordinaria, oltre a deliberare validamente su tutti gli argomenti di competenza di quella ordinaria, è competente in via esclusiva a deliberare sulle modifiche di Statuto e sullo scioglimento del Consorzio.
E' validamente costituita con la presenza di almeno due terzi dei sodalizi aventi diritto al voto.
Le deliberazioni di modifica di Statuto o di  scioglimento del Consorzio dovranno essere assunte, comunque, con la maggioranza dei due terzi dei voti presenti e, comunque, con almeno la maggioranza  dei voti delle società di A1. Non si computano le astensioni nel numero dei voti espressi.
L'Assemblea sia ordinaria che straordinaria è convocata a mezzo avviso raccomandata, o via telefax o e-mail, almeno otto giorni prima della data fissata per l'adunanza. In caso di urgenza le Assemblee  potranno essere convocate  con  tele-gramma o telefax o e-mail da spedire almeno tre giorni liberi  prima della data fissata.  Sull'invito  dovrà  specificarsi  che trattasi di convocazione urgente. L'avviso deve indicare luogo, giorno ed ora della riunione e gli argomenti posti all'ordine del giorno, del Consiglio di Amministrazione.
Qualora sia venuta meno la maggioranza del Consiglio di Amministrazione o lo stesso sia decaduto per dimissioni del Presidente, l'Assemblea elettiva è convocata dal Presidente in regime di prorogatio o dall'Amministratore Delegato entro 30 (trenta) giorni dal verificarsi di tale evento e deve svolgersi nei successivi 30 (trenta).
La convocazione delle Assemblee potrà essere richiesta anche da parte di tanti soci che rappresentino almeno un terzo dei voti esprimibili, che dovranno indicare gli argomenti da trattare. In tal caso il Presidente dovrà convocare l'Assemblea entro 15 (quindici) giorni dal ricevimento della richiesta che deve svolgersi nei successivi 30 (trenta).
La verifica dei poteri dell'Assemblea ordinaria viene esercitata dal Collegio dei Revisori dei Conti prima dell'inizio dei lavori Assembleari. Spetta al Presidente dell'Assemblea constatare la regolare costituzione della stessa, accertare l'identità e la legittimazione dei presenti, dirigere e regolare lo svolgimento dell'Assemblea ed accertare, assistito da due scrutatori nominati dall'Assemblea,  i risultati delle votazioni.

ART. 13 DELIBERAZIONI ASSEMBLEARI
Le deliberazioni sono validamente assunte quando abbiano riportato la maggioranza dei voti favorevoli delle associate presenti all'Assemblea, ad eccezione di quelle materie per le quali il presente Statuto dispone diversamente.
E' possibile tenere le riunioni dell'Assemblea, sia ordinaria che straordinaria, con intervenuti dislocati in più luoghi, contigui o distanti, audio/video collegati, e ciò alle seguenti condizioni, cui dovrà essere dato atto nei relativi verbali:
che siano presenti nello stesso luogo il Presidente ed il Segretario della riunione che provvederanno alla formazione e sottoscrizione del verbale;
che sia consentito al Presidente dell'Assemblea di accertare l'identità e la legittimazione degli intervenuti, regolare lo svolgimento dell'adunanza, constatare e proclamare i risultati della votazione;
che sia consentito agli intervenuti di partecipare alla discussione ed alla votazione simultanea sugli argomenti all'ordine del giorno, nonché di visionare, ricevere o trasmettere documenti;
che siano indicati nell'avviso di convocazione i luoghi audio/video collegati a cura della società.
L'Assemblea ordinaria è presieduta da persona eletta dall'Assemblea, che provvede anche ad eleggere il Segretario.
L'Assemblea delibera validamente sui soli argomenti iscritti all'ordine del giorno.  Spettano  al  Presidente la direzione dell'Assemblea e la determinazione delle modalità procedurali, compresa la limitazione di tempo per gli interventi: la scelta del metodo di votazione. Le votazioni avvengono normalmente per alzata di mano o per appello nominale.
Le votazioni su mozioni di fiducia debbono avvenire per appello nominale. Le votazioni per le  elezioni delle  cariche consortili debbono avvenire per scrutinio segreto. In caso di parità di voti la proposta o la mozione presentata è respinta.
Le funzioni di scrutinio delle votazioni vengono assunte da due scrutatori eletti dall'Assemblea.
Le decisioni  assunte in  Assemblea sono vincolanti per tutti i sodalizi aderenti, anche se non presenti all'adunanza.
Le Assemblee potranno essere registrate su supporto magnetico/informatico che rimarrà depositato presso la sede del Consorzio a disposizione delle associate e che costituirà a tutti gli effetti verbalizzazione della seduta. In caso di mancata registrazione su supporto magnetico/informatico dovrà essere redatto apposito verbale dal Segretario dell’Assemblea.
Ogni eventuale impugnazione e/o contestazione dovrà essere Effettuata entro 30 giorni dallo svolgimento dell'Assemblea.
Le delibere Assembleari dovranno essere trasmesse a tutti gli associati e depositate presso la Segreteria Generale della FIPAV.

ART. 14 DELEGHE
Ciascuna società consorziata è rappresentata dal proprio Presidente o da altro dirigente tesserato per la medesima società e preventivamente designato mediante delibera del proprio organo amministrativo comunicata alla Lega.

ART. 15 PRESIDENTE
Al Presidente è devoluta la rappresentanza legale del Consorzio, anche nelle liti attive e passive.
Il Presidente convoca e presiede il Consiglio di Amministrazione, firma gli atti consortili, rilascia mandati alle liti, sottoscrive contratti e convenzioni, nomina procuratori per singoli atti o categorie di atti o incarichi specifici, secondo le direttive ed i limiti stabiliti dal Consiglio di Amministrazione.
In caso di impedimento il Presidente è sostituito dal Vicepresidente Vicario e in caso di impedimento di quest'ultimo dall'altro Vicepresidente.
Il Presidente viene nominato dall'Assemblea tra gli Amministratori in carica di un sodalizio aderente al Consorzio oppure anche tra estranei e dura in carica due esercizi sociali.

ART. 16 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE
E' eleggibile alla carica di Presidente del Consorzio colui il quale al momento delle elezioni non ricopra la carica di Componente del Consiglio Federale o di altro organo elettivo della FIPAV, salvo che prima delle elezioni dichiari espressamente di rinunciare, qualora eletto, alla carica ricoperta in seno alla Federazione.
Sono eleggibili alla carica di componente del Consiglio di Amministrazione del Consorzio coloro che siano in possesso di tutti i seguenti requisiti:
siano Amministratori in carica di un sodalizio aderente al Consorzio;
siano procuratori con deleghe specifiche;
al momento dell'elezione non ricoprano la carica di dirigenti centrali o periferici della FIPAV salvo che prima delle elezioni dichiarino espressamente di rinunciare, qualora eletti, alla carica ricoperta in seno alla Federazione.
Il controllo dei requisiti di eleggibilità è effettuato dal Collegio dei Revisori dei Conti entro trenta giorni  dalla data dell'elezione, nelle forme e nei modi previsti dal presente Statuto e nei Regolamenti del Consorzio.
Qualora il Collegio dei Revisori dei Conti verifichi l'assenza di uno o più dei requisiti che precedono, ovvero la permanenza della condizione ostativa del cumulo delle cariche Federali e del Consorzio come sopra individuate, si applica quanto di seguito previsto.
Il Presidente ed i componenti del Consiglio decadono dal proprio incarico nel caso in cui si verifichi uno dei seguenti motivi:

·                  sia escluso dal Consorzio il sodalizio presso il quale siano tesserati in qualità di dirigenti o siano comunque legati da rapporto sociale o associativo;

·                  manchi o sia perduto successivamente uno o più dei requisiti di eleggibilità contemplati dall'articolo precedente; dimissioni volontarie; per mancata partecipazione immotivata a tre consecutive riunioni del Consiglio di Amministrazione;

·                  la società di appartenenza sia rispettivamente promossa al campionato di A1 o retrocessa a quello di A2 nel periodo di vigenza della carica.

·                  L'intero Consiglio di Amministrazione decade qualora venga meno per qualsiasi causa la maggioranza del Consiglio stesso, ovvero decada dal proprio ufficio il Presidente.

Nell'ipotesi di decadenza di uno o più consiglieri che non costituiscono la maggioranza del Consiglio, la carica rimarrà vacante e si procederà alla reintegrazione convocando una Assemblea nei trenta giorni successivi che dovrà svolgersi nei successivi trenta. Il o i Consiglieri subentranti decadranno alla scadenza naturale del mandato del Consiglio cui fanno parte. Per il periodo intercorrente dalla data di decadenza dell'intero Consiglio di Amministrazione alla data di insediamento degli Organi Esecutivi neoeletti, il Consiglio di Amministrazione rimarrà in carica in regime di prorogatio.
Il Consiglio di Amministrazione è composto da:

·                  il Presidente, il quale viene eletto dall'Assemblea Ordinaria Generale in seduta plenaria con il "quorum" della maggioranza dei presenti.
Nell'ipotesi che al primo scrutinio nessuno dei candidati ottenga la prescritta maggioranza, si procederà al ballottaggio tra i due candidati che abbiano ottenuto al primo scrutinio il maggior numero di voti. Qualora in sede di ballottaggio non venga ottenuto da nessuno dei due candidati la maggioranza prescritta, si procederà ad un terzo scrutinio dove risulterà eletto il candidato che avrà riportato il maggior numero di voti (maggioranza semplice).

·                  sei Consiglieri eletti dall'Assemblea Generale di cui quattro prescelti fra amministratori di sodalizi di A1 e due tra quelli di A2. Nell'ipotesi in cui due o più candidati ottengano al primo scrutinio un eguale numero di voti e ciò risulti determinante ai fini dell'attribuzione della carica si procederà ad una nuova votazione e così di seguito fino a quando permanga tale situazione.

Il Consiglio di Amministrazione rimane in carica due anni ed i suoi componenti sono rieleggibili.
E' facoltà del Presidente invitare alle riunioni del Consiglio di Amministrazione consulenti o esperti  del settore.

ART. 17 COMPITI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE
Il Consiglio di Amministrazione si riunisce almeno quattro volte l'anno e comunque ogni qualvolta il Presidente lo riterrà opportuno.
E' ammessa la possibilità che le adunanze del Consiglio di Amministrazione si tengano per videoconferenza, a condizione che tutti i partecipanti possano essere identificati e sia loro consentito di seguire la discussione e di intervenire in tempo reale alla trattazione degli argomenti affrontati, nonché di ricevere, trasmettere e visionare documenti; verificandosi tali presupposti, il Consiglio si considera tenuto nel luogo in cui si trova il Presidente, luogo in cui deve pure trovarsi il segretario della riunione, onde consentire la stesura e la sottoscrizione del relativo verbale, nonché la successiva trascrizione nel libro delle adunanze e delle deliberazioni del Consiglio di Amministrazione.
Il Consiglio di Amministrazione organizza l'attività della Lega, ha tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione salvo quanto sia espressamente riservato alla competenza dell'Assemblea o degli altri organi della Lega.
In particolare, a titolo esemplificativo:

·                  nomina due Vice presidenti (uno vicario) di cui uno espressione dei Consiglieri di Serie A1 ed uno espressione dei Consiglieri della Serie A2;

·                  convoca l'Assemblea Ordinaria e Straordinaria;

·                  stipula tutti gli atti relativi all'attività della Lega ed emana ogni provvedimento di ordine sportivo, organizzativo e finanziario per la migliore efficienza e regolarità di ogni settore della Lega;

·                  redige il bilancio preventivo, quello consuntivo e le relazioni accompagnatorie;

·                  nomina i componenti delle Commissioni di lavoro della Lega;

·                  dichiara l'esclusione dei sodalizi;

·                  compie ogni altro atto ed effettua ogni altra operazione che paia idonea a favorire il buon andamento della Lega Pallavolo;

·                  attiva le direttive generali impartite dalle Assemblee;

·                  approva i Regolamenti di Lega; nomina la Commissione di Ammissione ai Campionati;

·                  incarica consulenti ed assume collaboratori o dipendenti, determinando i compensi e liquidandone le parcelle;

·                  provvede al pagamento delle spese ed alla riscossione degli introiti ed alla loro ripartizione fra le società consorziate; provvede agli incombenti previsti dall'art. 2615 bis c.c.; istituisce l'ufficio di cui all'art. 2612 c.c.;

·                  delibera tutte le operazioni mobiliari, bancarie, amministrative e quante altre qui non specificatamente indicate, che si rendessero necessarie ed opportune per l'ordinaria e straordinaria gestione del Consorzio;

·                  stabilisce la immotivata partecipazione dei singoli Consiglieri alle riunioni del Consiglio.

La sintesi delle delibere assunte viene inviata per conoscenza con mezzi idonei ai sodalizi aderenti ed alla Segreteria Generale della FIPAV. I testi integrali rimangono depositati presso la segreteria della Lega a disposizione di chiunque ne abbia interesse.
Il Consiglio di Amministrazione dovrà essere convocato dal Presidente ove ne facciano richiesta almeno due Consiglieri. E'data facoltà al Consiglio di Amministrazione di proporre all'assemblea l'elezione di un settimo componente, non rappresentante di società aderenti, che rimarrà in carica fino alla scadenza del Consiglio che ne ha proposto la nomina. In suo favore il Consiglio di Amministrazione potrà delegare in tutto o in parte i propri poteri, determinando i limiti della delega e il compenso. Il Consiglio potrà impartire direttive al delegato e avocare a sè operazioni rientranti nella delega.

ART. 18 ADUNANZE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE
Il Consiglio di Amministrazione è convocato dal Presidente ogni volta che lo ritenga opportuno mediante raccomandata, telefax o e mail agli indirizzi indicati dai consiglieri con ricezione almeno tre giorni prima dell'adunanza.
In caso dì assenza o di impedimento del Presidente il Consiglio può essere convocato dal Vice Presidente vicario.
Le riunioni sono valide con l'intervento di almeno quattro componenti.
Le deliberazioni sono assunte con il voto favorevole della maggioranza dei presenti e sono fatte constare su apposito libro dei verbali, sottoscritto dal Presidente e dal Segretario. In caso di parità di voti prevarrà la proposta votata dal Presidente e in sua assenza la proposta di delibera si intende non approvata. Le funzioni di segretario sono assolte da un componente dei Consiglio o dall'Amministratore Delegato o da un dipendente a ciò di volta in volta designato.

ART. 19 SPESE E RICAVI DEL CONSORZIO
Le spese ed i ricavi delle attività proprie del Consorzio sono ripartite fra le associate stesse, in parti uguali.
Le spese ed i ricavi delle attività proprie del Consorzio, relativi a rapporti svolti nell'interesse di una o più associate, vengono rispettivamente assunti a favore o carico della o delle associate stesse.
Il fondo di riserva è utilizzabile secondo le delibere dell'Assemblea, per fini di interesse comune.

ART. 20 FONDO CONSORTILE
I contributi dei consorziati ed i beni acquistati con questi contributi costituiscono il fondo consortile.
Per la durata del Consorzio i consorziati non possono chiedere la divisione del fondo e i creditori particolari dei consorziati non possono far valere i loro diritti sul Fondo medesimo.
Le quote di partecipazione delle società recedute e/o escluse accrescono il fondo di riserva.

ART. 21 RESPONSABILITA'
Per le obbligazioni assunte in nome del Consorzio dalle persone che ne hanno la rappresentanza, i terzi possono far valere i loro diritti esc1usivamente sul fondo consortile.
Per le obbligazioni assunte dagli organi del Consorzio per conto dei singoli consorziati, o di gruppi di essi o della totalità, i consorziati - e ciascuno in proporzione agli obblighi per suo conto assunti - rispondono solidamente con il fondo consortile.
In caso di insolvenza nei rapporti fra consorziati, il debito dell'insolvente nei riguardi del Consorzio si ripartisce tra tutti in proporzione delle quote.

ART. 22 UFFICIO CONSORTILE
Ai fini dello svolgimento di attività inerenti funzioni proprie di ciascuna società consorziata, il Consiglio di Amministrazione può istituire apposito ufficio che opera nei confronti dei terzi, sotto la direzione del Consiglio di Amministrazione, che ne detta i limiti di operatività, funzioni, compiti e relativi compensi.

ART. 23 IL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI
Il Collegio dei Revisori dei Conti è nominato dall'Assemblea ed è composto da tre membri effettivi e da due membri supplenti. Le riunioni saranno valide alla presenza di almeno due dei suoi componenti. Almeno due componenti effettivi ed un supplente dovranno essere iscritti al registro dei revisori contabili
Il Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti o un componente da lui delegato partecipa di diritto alle Assemblee del Consorzio e alle riunioni del Consiglio di Amministrazione.
Possono essere nominate anche persone estranee ai sodalizi associati al Consorzio ed agli altri sodalizi affiliati alla FIPAV.
I componenti il Collegio vengono eletti a maggioranza semplice dei voti. I tre candidati che avranno ottenuto il maggior numero di voti risulteranno eletti quali membri effettivi, mentre i due candidati che avranno ottenuto un numero di voti immediatamente inferiore saranno eletti quali membri supplenti.
Nell'ipotesi che due o più candidati ottengano al primo scrutinio un eguale numero di voti e ciò risulti determinante per l'attribuzione della carica, si procederà ad una nuova votazione, e cosi di seguito fino a quando permanga tale situazione.
Alla prima riunione gli eletti nominano nel proprio ambito un Presidente scelto tra i membri effettivi del Collegio.
Il Collegio dei Revisori dei Conti vigila sull'andamento della gestione economica e finanziaria del Consorzio e ne riferisce all'Assemblea presentando l'apposita relazione, nonché svolge tutti gli altri incarichi esplicitamente assegnatigli  dal presente Statuto.
Di ogni riunione del Collegio viene redatto regolare verbale a cura del Presidente.
Il Collegio rimane in carica tre anni ed i suoi membri sono rieleggibili.
Per quanto attiene alle cause di decadenza dei singoli membri o dell'intero Collegio ed alla reintegrazione dell'Ufficio si applicano le norme contenute nel presente Statuto per la parte in cui sono applicabili.
Il Collegio funge da organo di secondo grado avverso le sanzioni disciplinari comminate dal Giudice di Lega che non siano di competenza della Commissione d'Appello della FIPAV.

ART. 24 IL GIUDICE DI LEGA
Il Giudice di Lega, eletto dall'Assemblea Generale, resta in carica per un triennio. La carica è incompatibile con incarichi di qualunque genere da parte delle società associate. E' competente a giudicare in merito alle infrazioni disciplinari su deferimento del Consiglio di Amministrazione nonché avverso le decisioni delle Commissioni di Ammissione Campionati.
Per la Sua attività potrà avvalersi di collaboratori da lui stesso designati. Il Consiglio di Amministrazione potrà stabilire un gettone di presenza oltre al rimborso delle spese sostenute.
In caso di sue dimissioni e/o rinuncia all'incarico il giudice di Lega manterrà i suoi poteri, nel regime di proroga, fino alla prima assemblea utile che provvederà alla sua sostituzione.
Sarà attivato su istanza proposta dall'Amministratore Delegato o dalla Segreteria della Lega.

ART. 25 COMMISSIONE DI AMMISSIONE AL CAMPIONATO
La Commissione di Ammissione Campionati è composta da tre componenti nominati dal Consiglio di Amministrazione.
Al proprio interno viene nominato il Presidente dai Componenti così designati.
Almeno due dei tre componenti non dovranno essere dirigenti di sodalizi aderenti.
Avrà i compiti e le funzioni assegnate loro dalle deleghe federali per l'ammissione al campionato di Serie A.
I componenti godranno del rimborso delle spese vive sostenute per l'incarico nonché di un'eventuale gettone di presenza il cui ammontare sarà determinato dal Consiglio di Amministrazione.
Resta in carica per un esercizio sociale.

ART. 26 COMMISSIONI DI LAVORO
Le Commissioni di lavoro, quale organo consultivo, sono nominate dal Consiglio di Amministrazione, il quale di volta in volta ne stabilisce la composizione, i compiti e le modalità di funzionamento.
Le Commissioni di lavoro riferiscono direttamente al Consiglio di Amministrazione.

ART. 27 CAUSE DI SCIOGLIMENTO
Il contratto si scioglie per le cause previste dall’art.2611 c.c..

ART. 28 ESERCIZIO SOCIALE
L'esercizio sociale e la gestione finanziaria è suddivisa in annualità che hanno inizio il primo agosto di ciascun anno e termina il 31 luglio successivo.

ART. 29 DIRITTI DI DIFFUSIONE RADIOTELEVISIVA ED INTERNET E PROVENTI PROMOPUBBLICITARI
E' di esclusiva pertinenza del Consorzio, la stipula di accordi:

a)      per la diffusione radiotelevisiva o via internet di immagini e dati relativi agli incontri ufficiali di campionato, di quelli a carattere internazionale, nonché degli altri incontri e manifestazioni organizzati;

b)      per la cessione dei diritti d'immagine e di abbinamento e/o sponsorizzazione dei campionati di riferimento. La stipula di accordi relativi alla diffusione di diritti via internet sarà di esclusiva pertinenza del Consorzio a partire dall'esercizio 2006/07.

Se necessario od opportuno, tali accordi potranno riguardare settori separati.
I relativi proventi potranno, su decisione dell'Assemblea, essere attribuiti al Consorzio oppure, in tutto o in parte, essere ripartiti tra i consorziati, eventualmente anche stabilendo quote diverse, legate a parametri oggettivi, secondo quanto stabilito in apposito regolamento approvato dall'Assemblea.

ART. 30 LIQUIDAZIONE
Deliberato lo scioglimento, l'Assemblea nomina un liquidatore per il compimento di tutti gli atti necessari alla liquidazione del Consorzio, rappresentandolo anche in giudizio con i più ampi poteri di transigere e concordare le pendenze attive e passive.
Compiuta la 1iquidazione, quanto residuato da1 fondo consortile e dal fondo di riserva è ripartito fra le società consorziate in ragione delle quote sottoscritte.

ART. 31 SEDE DELLE SOCIETA CONSORZIATE
La sede delle società consorziate, per i rapporti con il Consorzio, è quella indicata nell'atto pubblico di costituzione o nella domanda di ammissione.
Le eventuali modifiche debbono essere comunicate al Consorzio entro trenta giorni dall'avvenuta variazione.

ART. 32 CLAUSOLA COMPROMISSORIA
Le controversie che insorgessero tra consorziati o tra essi e gli organi del Consorzio, in merito all'interpretazione ed applicazione del presente contratto nonché in merito a delibere Assembleari, sono risolte da un Collegio arbitrale composto da tre persone designate dal Presidente del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Bologna.
Il Collegio Arbitrale decide come arbitro rituale.
Le decisioni del Collegio sono definitive, non impugnabili nel merito.

 

F.TO Mosna Diego                                              F.TO FABRIZIO FERRANTE NOTAIO


Italian Time: 16:56 - 18 Ott 2017
© 2008 Lega Pallavolo Serie A